Le protagoniste

 

ERICA ARBOREA: Un indizio preoccupante

L’erica arborea, che (ogni tanto succede…) in latino si chiama nella stessa maniera, e cioè Erica arborea, ha una straordinaria capacità di resistenza agli incendi; tutta la parte aerea viene bruciata dal fuoco, ma in genere la parte sotterranea, la cosiddetta "radica", resiste e produce nuovi getti basali, che prenderanno presto il posto della chioma distrutta. L'assorbimento massiccio del silicio dal terreno, impregnandone i tessuti, rende infatti il ceppo ignifugo. Quando perciò un botanico si trova davanti ad un ericeto ad Erica arborea, ossia ad una formazione fatta quasi esclusivamente da questo arbusto, non ha bisogno di fare troppe indagini storiche nè analisi specifiche: può facilmente immaginare che la zona sia stata ripetutamente incendiata, ed il suolo progressivamente inacidito. Gli indizi sono chiari, e preoccupanti.

Nei luoghi in cui il suolo è stato messo a nudo dal passaggio del fuoco, per fortuna, il nostro arbusto svolge l'importante funzione di invadere, o meglio di reinvadere, i pascoli non naturali per preparare il ritorno del bosco (specialmente in zone in pendenza, e quindi a rischio di dissesto idrogeologico, tutto ciò non è poco...).

L'erica arborea vive in luoghi caldi e soleggiati dell'Europa meridionale, su terreni in prevalenza acidi: il sottobosco delle pinete mediterranee è il suo ambiente ideale. È un arbusto eretto, denso e ramoso, alto da 1 a 4 metri. Le sue foglie, molto piccole ed allungate, danno alla pianta un caratteristico aspetto; il colore della chioma, specialmente in autunno o in condizioni siccitose, tende ad imbrunire. I fiori sono bianchi o bianco-rosei, piccoli, campanulati, riuniti in infiorescenze con numerosissimi fiori che ne fanno una pianta ricercata dalle api per un’ottima e abbondante produzione di miele.

Oltre alla innegabile utilità ecologica di cui sopra, l’erica arborea ha una sua importanza nell’artigianato: dal suo ceppo basale, il cosiddetto "ciocco", si ricavano le migliori pipe, dette appunto di radica. D’altra parte, il suo legno difficilmente brucia...

Ultime piante inserite