Le protagoniste

 

ACANTO: Una decorazione vivente

La differenza fra una pianta erbacea annuale ed una perenne è la seguente: se passate l’anno dopo, quella annuale potreste non trovarla, quella perenne rispunta nello stesso posto, perché la radice lì sotto non muore. Ho espresso in maniera poco canonica la sensazione di sicurezza che mi dà l’acanto, che si rigenera ogni anno rigoglioso dalle sue radici perenni: ai margini dei sentieri e nei fossi, in genere all’ombra, capita così di incontrare spesso l'Acanthus mollis, una pianta erbacea perenne piuttosto grande, fatta da una rosetta di foglie basali da cui si innalza uno stelo fiorale alto più di un m. Le larghe foglie basali, spatolate, particolarmente decorative, sono di un colore verde scuro e lucido, e più chiare nella pagina inferiore; la loro lamina mostra lobi profondi dal margine dentato, spesso spinoso; quelle sul fusto sono più piccole, ovate, dall’apice terminante con una spina, e senza picciolo. Come le foglie, anche i fiori si fanno apprezzare: dal centro delle foglie si erge una lunga spiga cilindrica, con da grandi brattee ovate, dotate di denti spinosi; ciascun fiore ha il calice diviso orizzontalmente in due labbra: il labbro superiore è più grande, a forma di cappuccio, di colore violaceo, l’inferiore è quasi assente; per contro, la corolla è ridotta al solo labbro inferiore, trilobato, color bianco sporco e venato di porpora. I frutti sono capsule divise in loculi, con ciascuno due grossi semi scuri; l’apertura dei loculi è “esplosiva”: avviene di scatto, proiettando i semi a distanza.

Sono le foglie dell’acanto, quelle che abbiamo imparato a conoscere nei nostri studi classici: ce lo hanno insegnato spiegandoci i capitelli che ornavano le colonne degli edifici sacri nella Grecia antica. In quello di tipo corinzio (come anche in quello composito) fanno bella mostra di sé le foglie dell’acanto, sebbene qualcuno avanzi l’ipotesi che ad ispirare quelle decorazioni sia stato il meno diffuso Acanthus balcanicus, dai lobi fogliari non spinosi e tipicamente ristretti alla base. Secoli dopo, il movimento artistico dell’art nouveau riprese spesso il tema dell’acanto nelle sue opere a sfondo classicheggiante.

Che sia vivo e vegeto in Natura, o che sia dipinto o scolpito nella pietra, l’acanto è davvero una decorazione fatta pianta...

Ultime piante inserite