Le protagoniste

 

# A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

GARDENIA: Il fiore all’occhiello

“Ha il cilindro per cappello
- due diamanti per gemelli
- un bastone di cristallo
- la gardenia nell'occhiello...” Se questo articolo avesse la colonna sonora, sentireste di sottofondo la celebre canzone di Domenico Modugno, e la vostra mente evocherebbe l’uomo in frac con la sua gardenia nell’occhiello.

Le gardenie appartengono alla stessa famiglia del caffè, quella delle Rubiaceae – e in certe immagini, la pianta del caffè (Coffea arabica), assomiglia in effetti a una gardenia. Il genere, originario delle regioni tropicali dell’Asia e dell’Africa del Sud, comprende circa 250 specie; la più diffusa fra i cultori del giardinaggio è la Gardenia jasminoides, che ci arriva dalla Cina meridionale, dal VietNam del nord, da Taiwan e dal Giappone.

Sempreverde, a portamento quasi sempre cespuglioso in coltura, la Gardenia jasminoides in natura può superare i 2 m (esemplari eccezionali hanno raggiunto i 12). Ha foglie opposte, scure e lucenti, di forma ellittica. I fiori solitari, piuttosto grandi, bianchi, cerosi e profumatissimi, sbocciano all'ascella delle foglie, verso l'estremità dei rami. Il frutto è una bacca ovoidale, lunga circa 3 cm, dalla buccia cuoiosa, contenente molti semi.

Il suo profumo e la sua bellezza hanno suscitato l’interesse dei floricultori, compresi quelli delle regioni di origine: possiamo citare quelle a “fiore doppio”, con stami petaloidi (ossia con funzioni di petali), quali la “August Beauty”, la “Florida” e la “Fortuniani”, la “Variegata” a foglie screziate, ma ne esistono anche varietà nane (la “Radicans”), oppure arboree (la “Mistery”, usata addirittura come pianta da ombreggiatura).

Oggi, anche se è caduto in disuso il vezzo di portare un fiore all’occhiello della giacca, la gardenia resta uno dei fiori più apprezzati in giardinaggio così come in profumeria: l’essenza dei suoi fiori è in effetti molto pregiata, e in Cina esistono dei the aromatizzati alla gardenia. Meno ovvi e diffusi sono gli altri usi della gardenia. La specie è infatti anche medicinale: si usano le radici contro il mal di testa, la febbre e i disturbi nervosi; le foglie come antinfiammatorio; i frutti contro l’itterizia e le malattie polmonari. E infine, in Giappone, l’estratto dei frutti di gardenia si usa come colorante giallo per alcuni cibi, come il pesce, i legumi, i dolci, le uova di pesce.

Ultime piante inserite